Mer. Giu 26th, 2019

Alieni, Supereroi e Pugili: Joshua vs Miller

Joshua-vs-Miller

Se siete di questo secolo è molto probabile che almeno una volta nella vita vi siate chiesti perché gli alieni atterrino sempre in America e, forse, per quale motivo New York sia la loro meta turistica preferita. O magari vi siete chiesti il motivo per cui se si vuole essere dei veri supereroi bisogna aver posato, almeno una volta, in cima all’Empire State Building. È ovvio che, oltre le simpatiche affermazioni che si possano scrivere sull’argomento, New York sia circondata da un atmosfera speciale. È la Roma del Terzo Millennio, il centro del Mondo e nella “City that never sleeps” esiste un’arena dove si concentrano gli eventi più altisonanti che si possano immaginare.

Cos’hanno in comune una squadra NBA, una di hockey, una riunione dei Repubblicani e una dei Democratici, un pugile, i Led Zeppelin e Elvis? Nulla! Tranne essere stati i protagonisti per una sera al Madison Square Garden, l’arena più famosa del pianeta. Se vi considerate un personaggio di livello mondiale solo la vostra presenza all’MSG vi garantirà lo status di star assoluta. Uno degli eventi più importanti della cultura del ‘900 è lo storico incontro, proprio in questo stadio, tra i pugili Joe Frazier e Muhammad Ali del ‘71, che fu ribattezzato “L’incontro del Secolo”. I due leggendari campioni si sfidarono in un’affascinante duello che appassionò una generazione.

Finalmente, quindi, in questo luogo leggendario, il 1° Giugno 2019, circa 20.000 spettatori torneranno ad assistere a un incontro di boxe che potrebbe segnare il destino di un grande dei guantoni.
Con uno score di 22 vittorie, di cui 21 per KO al fronte di zero sconfitte, il pugile britannico Anthony Joshua (classe ‘89) affronterà lo statunitense Jarrel “Big Baby” Miller, con un record di 23 vittorie di cui 20 per KO e un solo pareggio contro nessuna sconfitta.

Il combattente inglese è il detentore dei titoli IBF, WBA, WBO e IBO per la categoria dei pesi massimi e, per la prima volta nella sua carriera professionistica, uscirà dai confini del Regno Unito, facendo un’eccezione alla sua “regola”, quella di aver combattuto sempre in patria, che gli è valsa le più accese critiche da parte di moltissimi appassionati. AJ è, con ogni probabilità, la più luminosa stella della Boxe mondiale, colui che sta ridando nuova vita ad uno sport che stava smarrendo fascino e il suo arrivo negli States sarà trasmesso in mondovisione.

A livello tecnico entrambi i pugili prediligono la guardia ortodossa (quella per chi porta il dritto col destro per intenderci) ma oltre questo hanno poco altro in comune. Joshua (198 cm per 113 Kg) è un atleta molto rapido, forte, calcolatore, imprime il suo ritmo all’avversario e colpisce durissimo dal 5° round in poi, cercando il KO intorno all’ottava ripresa. Miller (193 cm per circa 140 Kg) è un guerriero di proporzioni enormi, sicuramente meno tecnico e rapido del rivale ma con una forza distruttiva e un montante destro pesantissimo.

La sfida è stata lanciata: AJ parte favorito ma mai il Campione ha combattuto fuori dai confini nazionali, mai contro i tifosi di casa, mai così solo contro tutti. Sarà una delle prove più dure e importanti della sua carriera perché, quando si è raggiunto il successo, la pressione si fa insostenibile per i normali esseri umani, ma lui è speciale e pronto ad ambire alla Leggenda. Jarrel Miller nella conferenza stampa di presentazione del match ha già iniziato a provocare l’altro, sfiorando la rissa. Vedremo come i fattori psicologici incideranno su un incontro che, sulla carta, pare scontato.

Dopo Joshua tenterà di conquistare anche la cintura WBC per unificarle tutte e divenire Mito.
L’appuntamento è quindi fissato al prossimo 1° Giugno per assistere insieme ad uno degli eventi sportivi più importanti dell’anno.

Condividi