F1 Gp Baku: profondo rosso Ferrari

f1-2019-baku

F1 Gp Baku: profondo rosso Ferrari

Quarto Gp della stagione a Baku e la Ferrari vive ancora il suo profondo rosso. La scuderia di Maranello subisce la quarta doppietta consecutiva Mercedes e conquista il terzo posto, con Sebastian Vettel, seguito da Max Verstappen. Finisce solo quinto Leclerc, scattato dall’ottava casella dopo l’errore in Q2.

La Gara

Allo spegnimento dei semafori Bottas, a differenza del Gran Premio della Cina, riesce a conservare la sua prima posizione ed è subito seguito dal compagno di squadra Lewis Hamilton. I piloti della scuderia tedesca danno inizio a un duello avvincente, ricco di sorpassi. Terza piazza per il ferrarista Vettel che rimane, però, spettatore e non riesce ad inserirsi nella lotta. Il suo compagno di squadra, invece, a causa delle gomme più dure, non riesce ad avere buono spunto, scalando fino alla decima posizione.

Dalle prime tornate si capisce che il duello per la vittoria finale è riservato a Hamilton e Bottas, che distanziano in maniera netta il gruppo degli inseguitori. L’unico che riesce a tenere il passo è il monegasco Leclerc, troppo lontano dalla vetta ma in grado di poter recuperare fino alla quarta posizione.

All’undicesimo giro Vettel, che rientra per il suo unico pit-stop, passa dalle gomme rosse alle gomme gialle. Con le nuove mescole il pilota della Ferrari mostra un passo gara nuovo al punto da realizzare il giro veloce e costringe il muretto della Mercedes a rispondere subito alla strategia della rossa: dentro Bottas al dodicesimo giro e Hamilton al tredicesimo.

Al comando troviamo quindi Leclerc che, a differenza degli altri top drivers, ha una strategia diversa, sebbene le sue prestazioni, con il passare del tempo, inizino a calare. Troppi giri però mancano ancora alla fine della gara e, dopo un eventuale pit-stop, le gomme soft non gli avrebbero permesso di arrivare fino in fondo. Da dietro la coppia Mercedes e Vettel recuperano e passano il ferrarista. Al trentaquattresimo giro Leclerc effettua la sua sosta e rientra in sesta posizione alle spalle di Gasly, superandolo al giro successivo. Verstappen, intanto, si lancia all’inseguimento della Ferrari di Sebastian Vettel ma la sua rincorsa viene interrotta da una Virtual Safety Car. Rientrata la bandiera verde le posizioni restano congelate fino a fine gara, con il solo tentativo di Hamilton di sopravanzare Bottas al comando.

Gp Barcellona, 12 maggio 2019

Prossimo appuntamento tra due settimane in Spagna, dove la Mercedes, forte degli ottimi risultati delle prime quattro gare, si presenta con il favore del pronostico. La Ferrari, invece, è chiamata nuovamente a dare una risposta alle deludenti prestazioni di inizio stagione. La scuderia di Maranello porterà, come confermato dal team principal Mattia Binotto, altri aggiornamenti sulla vettura con la speranza che la SF90 riesca a ritrovarsi e a esprimere tutto il suo potenziale.

Condividi