Lun. Set 16th, 2019

NBA Playoffs: Semifinali di Conference

NBA-Playoffs-Durant-Harden

Credit: GETTY

NBA Playoffs: Semifinali di Conference

Le semifinali di Conference dei playoffs Nba entrano nel vivo. La postseason si presenta ancora molto equilibrata e dopo quattro partite abbiamo a Est la serie tra Toronto e Philadelphia sul 2-2 mentre, a sorpresa, quella tra i Bucks e i Celtics sul 3-1. Ad Ovest, invece, sia la sfida tra Golden StateHouston Rockets che DenverPortland è ferma sul 2-2.

Bucks vs Celtics

La sfida tra la numero uno e la numero quattro, ad Est, sembrava dover essere dominata dall’equilibrio. Dopo Gara 4, invece, troviamo la franchigia del Wisconsin in vantaggio per 3-1 sui Celtics. La serie, che dopo Gara 1 sembrava aver preso la direzione della squadra biancoverde, nelle tre partite successive ha cambiato faccia. Il motivo? Giannis Antetokounmpo. Il numero 34 dei Bucks, dopo le pesanti critiche della prima partita, è sceso sul parquet con un solo obiettivo: vincere. Il giocatore greco ha messo in campo tutto il suo repertorio offensivo per aggirare le tecniche difensive che il team di Brad Stevens ha optato contro di lui, facendo registrare numeri che non si vedevano dai tempi dell’hall of famer Kareem Abdul Jabbar.

I Boston Celtics, invece, hanno perso lo smalto offensivo e difensivo del primo incontro. Sul banco degli impuntati sono finiti sia Irving che Horford. Il giocatore nativo di Melbourne sta vivendo un momento negativo al tiro, condizionando la qualità offensiva dell’intero team. Horford, capitano delle operazioni difensive, non è più riuscito a contenere Antetokounmpo che nelle ultime tre gare ha dominato sia fisicamente che tatticamente.

Tutti si aspettavano una Gara 7, ma, in questo momento, non sembra esserci modo per fermare il candidato all’MVP di questa stagione che punta al passaggio del turno e alle finali di Conference. I Celtics, invece, tenteranno di rilanciarsi in Gara 5 per evitare il baratro e riaprire i giochi.

Raptors vs Sixers

La serie tra la franchigia canadese e quella della Pennsylvania continua a regalare emozioni. I Sixers, dopo aver conquistato il fattore campo nelle prime due partite in Canada, non sono riusciti a portarsi sul 3-1 nelle due partite in casa. La squadra allenata da Brett Brown ha riscontrato problemi in attacco e Joel Embiid non è riuscito ad esprimersi al suo meglio, soprattutto in Gara 4. I media, al termine della sfida, hanno riferito che il giocatore camerunese ha passato la notte insonne prima della sfida che poteva risultare decisiva. La mancanza delle abilità offensive e difensive del centro dei Sixers ha condizionato in maniera evidente i meccanismi del team.

Dall’altra parte, invece, Leonard ha dominato in lungo e largo, chiudendo con 39 punti e 14 rimbalzi. Il numero due dei canadesi, a differenza delle prime sfide, ha usufruito di un supporting cast degno di nota. Green, Gasol e Ibaka, dopo le prime difficoltà, sono riusciti ad entrare mentalmente nella serie e a dare il loro contributo.

Gara 5 sarà il bivio da prendere, dove Raptors e Sixers si giocheranno gran parte del loro passaggio del turno: la franchigia canadese per tornare alle finali di Conference dalle quali mancano dal 2016 e la squadra della città di Philadelphia per continuare a credere in “The Process”.

Warriors vs Rockets

Questa volta, dopo le polemiche di Gara 1, ad essere protagonisti non sono stati gli arbitri ma gli Houston Rockets che vincono due partite in fila e riaprono una serie che sembrava ormai chiusa. James Harden, in arte “il barba”, tornato nel suo “Texas”, ha potuto dare sfogo a tutte le sue abilità offensive, bombardando, in Gara 3 e in Gara 4, il canestro dei campioni in carica.

I Golden State Warriors, invece, non sono riusciti a replicare le prestazioni delle due gare casalinghe e sono stati tenuti a galla dal loro giocatore per eccellenza: Kevin Durant. KD35 continua a vivere il suo momento magico ma a fare notizia è il tiro sbagliato, decisivo per il pareggio, a pochi secondi dal termine del quarto quarto. Errore che è stato commesso anche dal suo compagno, Curry, che nelle ultime due/tre partite ha riscontrato difficoltà al tiro specialmente dalla lunga distanza, difficoltà, forse, legate anche all’infortunio al dito rimediato durante Gara2.

Gara 5, ad Okland, sarà decisiva per entrambe le squadre e influenzerà le sorti della loro stagione. Golden State è chiamata a vincere per continuare la cavalcata verso il terzo titolo consecutivo, Houston, invece, per mettere fine al dominio della squadra della Baia e costruire le basi per una dinastia.

Nuggets vs Trail Blazers

La numero due ad Ovest, dopo essere andata sotto per 2-1, ha riportato la serie in parità. Solito protagonista della franchigia del Colorado è stato il serbo Nikola Jokic. Quarta tripla doppia, in undici partite, per il centro di Denver che ha risollevato una situazione che si stava facendo drastica per i suoi.

Per i Trail Blazers il solito contributo dalla coppia Lillard e McCollum. Il numero zero e il numero tre hanno chiuso rispettivamente con 28 e 29 punti, ma non sono stati sufficienti per vincere la partita.

Prossimo appuntamento domani alle o4:30 (italiane) al Pepsi Center dove andrà in scena una sfida avvincente dopo la quale nulla sarà come prima e, finalmente, ogni equilibrio sarà rotto.

Condividi