Mer. Giu 26th, 2019

GP di Francia: Marc Marquez e i tre moschettieri di Borgo Panigale

Marquez-Dovizioso-Petrucci-Lemans

È ancora l’alieno Marquez a vincere, seguito da ben tre Ducati: DoviziosoPetrucci Miller. Gara da dimenticare per Mir Abraham, caduti nel giro di formazione.

Inizio gara magico per l’australiano

È uno spettacolare Jack Miller a recitare la parte del protagonista durante la prima parte di gara: è riuscito, infatti, a tenere testa alla Honda del sette volte campione del mondo. In partenza Marquez brucia tutti, ma è inseguito da Petrucci  e Miller. Il primo a tentare il sorpasso è il secondo pilota Ducati, ma non riesce a tenersi davanti. Allora Miller attacca l’ex compagno di squadra in difficoltà e si lancia all’inseguimento dello spagnolo. Jack riesce ad avvicinarsi in poco tempo e passa il leader del campionato. Il continuo botta risposta permette al gruppo degli inseguitori di avvicinarsi ai primi due, ma, con l’arrivo degli altri piloti, Miller è costretto a tenersi di più sulla difensiva e prende margine da Marquez.

La risalita del Dovi e la disfatta di Viñales e Pecco

Dovizioso ad inizio gara si è ritrovato bloccato in un denso gruppo di piloti e non è riuscito a passare subito davanti, ma, dopo poco più di quattro giri, ha raggiunto le spalle di Miller, per poi passarle a pochi giri dalla fine.

Pessima gara per Maverick Viñales che perde tantissime posizioni e cade a causa di Bagnaia, scivolato a pochi centimetri dallo spagnolo.

L’incredibile Pol Espargaro e l’intramontabile Valentino Rossi

Oggi ha fatto sognare la KTM di Pol Espargaro, che riesce a strappare la sesta posizione al GP di Le Mans, preceduto dalla M1 di un Rossi carico come un ventenne.

Quartararo, il giovane divo del popolo francese

Quartararo, partito decimo e sceso di posizioni in pochi giri, è riuscito a spingere la sua Yamaha firmata Petronas fino all’ultimo. Sorpassi inimmaginabili per un rookie al giorno d’oggi, ma c’è riuscito. Chiude ottavo dietro al compagno di squadra. I due faranno sicuramente scintille quest’anno.

Condividi