Mar. Set 17th, 2019

Sarà ancora dominio Mercedes nelle stradine del Principato?

monaco-formula1-2019

Credit: Formula1.motorionline.com

Il prossimo appuntamento della stagione di Formula 1 si terrà nelle strette ma affascinanti stradine del Principato di Monaco, il circuito probabilmente più difficile e stressante del mondiale. Sarebbe scontato dire che la Mercedes si presenta come favorita, ma più che mai le sorprese sono dietro l’angolo. In questa pista tutta l’attenzione è rivolta alle qualifiche del sabato, visto che le posizioni in gara, a meno di clamorosi colpi di scena, rimangono invariate.

La Mercedes sembra non avere punti deboli e nelle curve lente potrebbe ulteriormente mostrare la sua superiorità. Lo scherzetto potrebbe farlo la Red Bull, una macchina che soffre la velocità sul dritto ma che evidenzia i punti di forza nei tratti più guidati e Monaco potrebbe fare al caso della scuderia austriaca. La Ferrari, almeno da pronostico, faticherà maggiormente nella pista di Montecarlo, proprio perchè la potenza del motore rivestirà un ruolo nettamente di secondo piano rispetto al carico aerodinamico, aspetto su cui il team di Maranello dovrà lavorare duramente. L’arma in più potrebbe essere proprio Charles Leclerc: un appuntamento speciale per lui che giunge al coronamento di un sogno, guidare una Ferrari sul circuito di casa. Sarà certamente determinato come non mai ad ottenere il miglior risultato possibile.

Un assaggio di quello che accadrà durante il week-end è andato in scena nella giornata di ieri, con le prime sessioni di prove libere.

Prove libere 1

Come ci si aspettava, la Mercedes comanda la prima sessione di prove con Lewis Hamilton che ha timbrato il tempo di 1:12.106. Incredibilmente non è Valtteri Bottas a mettersi alle spalle del leader del mondiale, bensì un grande Max Verstappen staccato di soli 59 millesimi. Il finlandese si posiziona al terzo posto, anche lui staccato di pochi millesimi. Inseguono le Ferrari: 4° Charles Leclerc, 5° Sebastian Vettel, distanti rispettivamente 3 e 7 decimi dall’inglese.

Prove libere 2

Le Mercedes salgono ulteriormente in cattedra in questa seconda sessione di prove libere e demoliscono gli avversari con distacchi imbarazzanti. Sempre Lewis Hamilton a comandare il gruppo con il crono di 1:11.118, abbassando di circa un secondo il tempo della prima sessione. Valtteri Bottas lo segue in scia, poi il vuoto. Terza posizione per Vettel che dista però 7 decimi dai due extraterrestri, solo 10° il compagno di squadra, che non è riuscito a sfruttare nel migliore dei modi il run da qualifica. Tra le due Red Bull distanti quasi un secondo da Hamilton, si inserisce la sorprendente Toro Rosso di Albon, che sembra porsi come prima scuderia immediatamente dietro i top team.

Il problema principale della Rossa è quello relativo al giusto funzionamento delle gomme, che la SF90 non riesce a portare in temperatura nel modo opportuno. La questione è stata rimarcata dallo stesso Sebastian Vettel al termine della giornata: “Non siamo ancora con la piena fiducia, è stata una giornata complicata, fatichiamo a portare le gomme nella giusta finestra, per noi è un po’ più difficile, abbiamo ancora un po’ di tempo prima di sabato”.

Servirà, quindi, un miracolo a Ferrari e Red Bull per impedire alle frecce d’argento di conquistare la sesta vittoria consecutiva, traguardo che appare sempre più vicino.

Condividi