Mer. Giu 26th, 2019

Petrucci: era ora!

motogp-petrucci-dovizioso-mrquez-mugello-2019

Il Gran Premio del Mugello di quest’anno sarà sicuramente ricordato per l’emozionantissima prima vittoria del nostro Danilo Petrucci, in sella alla Ducati firmata Mission Winnow proprio da quest’anno.

Purtroppo, però, sarà ricordato anche come uno dei peggiori weekend del Dottore, caduto sotto gli occhi dei tifosi a pochi giri dall’inizio. Nel tentativo di recuperare dal fondo della classifica, Rossi è incappato in due errori: il primo quando, nel tentativo di superare il pilota della Suzuki Mir, è uscito fuori pista ed è rientrato in ultima posizione; il secondo quando, con pista libera e nel provare a recuperare più posizioni possibili, Valentino ha perso l’anteriore ed è scivolato, dicendo definitivamente addio alla gara.

Un weekend amaro quello del numero 46 che, a fine gara, ha dichiarato: “Uno dei weekend più brutti della mia carriera”. Rossi, comunque, non si è tirato indietro davanti alle sue responsabilità e ha dichiarato ufficialmente che il suo errore durante le FP3 ha compromesso l’intera gara: “L’errore fatto sabato ha dato una svolta a tutto il weekend perchè non sono entrato in Q2, sennò sarei partito più avanti e avrei fatto una gara più decente.”

Tuttavia, nonostante gli errori del pilota italiano, le difficoltà della Yamaha rimangono oggettive e il gap da recuperare con Honda e Ducati rimane molto ampio, quasi impossibile da poter colmare.

Petrucci e quella vittoria che sa di rivincita

Dopo 120 gare arriva la prima vittoria in MotoGp per il ternano. Una vittoria speciale per il pilota della Ducati che ha voluto dedicare il proprio successo a quelli che non credevano in lui: “C’era chi non mi voleva fare nemmeno cominciare con la Ducati ufficiale e questa è la soddisfazione più grande. Dicevano: “perché Petrucci con tutti i piloti che ci sono?”. Oggi l’hanno visto tutti, il perché”.

Una prova di forza che all’ultimo giro gli ha permesso di sopravanzare il compagno di squadra, Dovizioso, e il leader del mondiale Marquez. Sfruttando il piccolo varco lasciato dai due rivali, Petrucci ha fatto sua la vittoria nel Gran Premio di casa: “Mi hanno passato sul rettilineo all’inizio dell’ultimo giro ma all’ingresso della curva hanno lasciato uno spazietto piccolo, così ne ho approfittato  anche perché sapevo che se ne fossi uscito per primo, sarebbe stato un po’ più facile fino alla bandiera a scacchi.”

Ducati: una vittoria a doppio taglio

Una vittoria, però, a doppio taglio per il team italiano. Il sorpasso decisivo di Petrucci non ha permesso a Dovizioso di guadagnare la posizione su Marquez e prendere punti, anche se pochi, nella corsa al mondiale.

Dovizioso, nel post-gara, ha mostrato molta gratitudine nei confronti del compagno e felicità per la sua prima vittoria, ma anche consapevolezza di aver perso punti su un circuito dove il pilota della Honda, Marquez, è sempre andato in difficoltà: “Sono contento per Danilo per la vittoria perché se l’è meritata. L’ultimo giro? Me l’ero preparata bene, volevo essere primo all’uscita prima curva ma non è andata così perché Danilo è entrato forte e sono stato costretto a rialzare la moto. Lui se lo merita perché ha sofferto tanto e sono contento di averlo aiutato in questi mesi ma il sunto è che abbiamo perso punti su Marquez. Con lui nessun problema, tra compagni di squadra intelligenti ci si capisce al volo, a differenza di altri.”

Il pilota forlivese adesso si trova a 12 punti dalla vetta della classifica, un distacco non impossibile da colmare ma bisogna tener conto che Marquez ha già uno zero in classifica.

Prossimo appuntamento: Barcellona

Prossimo appuntamento il 16 giugno a Barcellona. Marquez e Honda si presentano al prossimo appuntamento con il favore del pronostico, ma Ducati, adesso, può far affidamento su entrambi i piloti per mettere fine al connubio MarquezHonda.

La Yamaha, invece, avrà molto lavoro da fare in vista del prossimo Gp: la casa giapponese dovrà dare ai propri piloti una moto competitiva e portare a casa il miglior risultato possibile su una pista che, negli ultimi anni, si è dimostrata uno scoglio molto grande da dover superare.

Condividi