Dom. Lug 5th, 2020

Disastro al GP di Catalunya: solo in 13 vedono il traguardo, il commento dei piloti

motogp 2019-catalunya-lorenzo-rossi-dovizioso-vinales-caduta

La staccata azzardata di Jorge Lorenzo manda out Dovizioso, Viñales e Valentino Rossi. Out anche Morbidelli, Bagnaia, Crutchlow, Syahrin, Abraham, Smith e Aleix Espargaro.

I tre top team nelle prime sei posizioni…poi la caduta in curva 10

Quartararo e Morbidelli partono dalla prima fila ma non riescono a mantenere il ritmo imposto da Marquez e gli altri top riders, scendendo, così, nelle retrovie. Dopo appena un giro i primi sei erano dei tre top team del motomondiale, una cosa così non si vedeva da molto tempo. Perfino Jorge Lorenzo era riuscito a risalire, dal fondo della classifica, con la sua Honda. Tutti potevano lottare per la vittoria, o quantomeno per il podio, ma qualcosa è andato storto: Jorge Lorenzo, in quarta posizione dietro a Marquez, Dovizioso e Viñales, tenta il sorpasso in curva 10 per superare più piloti possibili, ma fallisce. Colpisce Dovizioso, Viñales e  Valentino Rossi.

Inutili per loro i tentativi di rialzare le moto, sono ormai distrutte. La gara per loro quattro finisce qui.

Le parole dei piloti

Valentino rossi: “Peccato, molto peccato, perché fino alla gara era stato un weekend positivo. La moto andava meglio, ero molto contento, abbiamo lavorato meglio nel box. Abbiamo indovinato la scelta delle gomme, ma non ho avuto neanche il tempo di capire come potevamo andare.La moto di Lorenzo mi ha colpito, mi sono fatto un po’ male alla caviglia, sono cose che comunque succedono in gara. Purtroppo ero dietro Petrucci che mi dava un po’ fastidio perché ero più veloce, avevo pensato di buttarmi dentro, infatti sono arrivato in curva abbastanza forte. Il problema è stato che proprio in quel momento la moto di Lorenzo mi ha falciato”.

Jorge Lorenzo: “Avevo fatto una grande partenza, avevo recuperato molte posizioni. Qualche pilota ha rallentato per via del traffico in pista e sono riuscito a sorpassarli all’esterno. Avevo notato che nelle frenate potevo staccare molto forte. Viñales ha chiuso il gas e io gli ho preso la scia. Ho provato a sorpassarlo lentamente, ma ho visto che la curva stava arrivando. Per non tamponare Dovizioso ho dovuto frenare un po’ di più e ho perso la moto. In questa tipologia di curve negli ultimi anni succedono molti casi simili. Il mio errore è costato non solo la mia caduta, ma ho fatto cadere anche Rossi, Viñales e Dovizioso, questo è quello che mi dispiace di più. La verità è che avrei preferito cadere da solo perché ho fatto un errore, però in quella situazione, in quella tipologia di curva, si favoriscono questi casi. Questa volta ho fatto io l’errore e mi dispiace tantissimo per loro, avrei preferito cadere solo io”.

Marc Marquez: “Sicuramente sono stato agevolato dall’incidente, devo essere onesto: ho avuto una gara più agevole. Ho visto l’episodio, è una curva in cui è facile fare l’errore che ha fatto Lorenzo, è difficile fermare la moto: c’è stata un po’ di sfortuna, spero che tutti stiano bene. Mi ha fatto un regalo ma questo regalo non mi piace, è comunque buono per il Mondiale anche perché ora ho 37 punti di vantaggio. Non mi piace il regalo perché a me piace vincere lottando in pista. Ho passato Dovizioso nel secondo giro perché volevo allungare, l’ho passato in quella curva ed è andata bene perché se non l’avessi fatto sarei caduto anche io. Il mio ritmo era 1:40 alto”.

Andrea Dovizioso: “Io alla sfortuna non ci voglio credere. Però eravamo in cinque vicini, siamo andati giù come birilli e solo uno è rimasto in sella, ma non mi arrendo. Certo che questa storia di Lorenzo influisce in maniera pesante sul campionato, perché tutti quelli che lottano contro Marc sono rimasti a zero. Il gap è diventato veramente ampio: lui saprà come amministrarlo, e poi va forte su ogni circuito. Ma non è giusto”.

Maverick Viñales: “Ha rovinato la nostra gara e il campionato di Dovizioso. La nostra gara è stata rovinata. Ero secondo ero in ottima forma. Finire così al secondo giro non ha senso. Se avesse aspettato il rettilineo mi avrebbe passato. Sono partito come non mai, ho guadagnato 4 posizioni al via. Mi trovavo molto bene siamo andati meglio. Spero che la direzione gara faccia qualcosa. Contro Pecco e Morbido non ho detto niente ma qui devono intervenire. Difficile dire se avrei tenuto il ritmo di Marc ma credo di si nel Warm Up mi trovavo bene e così anche in gara. All’inizio eravamo lì stavo andando veloci. Dobbiamo capire cosa abbiamo fatto per essere così competitivi. Questo ci da motivazioni extra. Non può entrare così al secondo giro. Questo fine settimana mi lascia un buon sapore, sapevo di essere da podio. Dobbiamo capire cosa abbiamo fatto bene e portare questa motivazione ad Assen. Io ho visto Jorge che arrivava veloce e sapevo che non avrebbe fatto la curva. Sarebbe stata una bella gara. Fortunato a non essermi fatto male e domani per i test sarà un giorno importante”.

Condividi