Lun. Set 16th, 2019

MotoGP, Austria: Marquez il più veloce del venerdì

Appena dopo una settimana dal GP della Repubblica Ceca, la MotoGP torna in pista. La classe regina si trasferisce in Austria, appuntamento fisso dal 2016. La pista austriaca ha sempre regalato spettacolo e gli appassionati si aspettano che anche quest’anno possa essere così. Nelle ultime tre edizioni ha vinto sempre un pilota Ducati: Iannone nel 2016, Dovizioso nel 2017 e Lorenzo nel 2018. Gli ultimi due hanno dato vita a duelli leggendari con il pilota spagnolo Marc Marquez che si è dovuto accontentare per due volte del secondo posto. La Yamaha, invece, non ha mai raccolto grandi risultati in terra austriaca e anche questa volta è costretta ad inseguire. La casa di Iwata ha portato degli aggiornamenti durante i test di Brno ma saranno disponibili solo dal 2020.

FP1 e FP2: Marquez detta il passo

Marc Marquez non sembra essere ancora sazio di vittorie e i tempi fatti registrare nei primi due turni di prove libere lo dimostrano. Il pilota spagnolo ha chiuso le FP1 in seconda posizione e le Fp2 al primo posto. Un segnale forte e chiaro da parte del campione del mondo che vuole mettere le cose in chiaro sin dal venerdì. Per Marquez, oltre al campionato, c’è un’altra sfida in gioco: quella di conquistare la prima vittoria in austria. Il pilota spagnolo non ha mai vinto al Red Bull Ring e, conoscendo la sua fame di vittoria, vorrà provarci questa domenica.

Tuttavia, nonostante la velocità fatta vedere dalla Honda e da Marquez, la Ducati può ritenersi soddisfatta. Andrea Dovizioso, secondo nel mondiale, ha tenuto un ritmo costante in tutte e due le sessioni, andando ad impensierire Marquez. Vincere potrebbe significare rilanciarsi nel mondiale anche se il distacco da colmare è veramente ampio ma Dovizioso e Ducati hanno il bisogno disperato di portare a casa il bottino pieno.

Prove libere a due facce per la Yamaha. La casa giapponese ha trovato un Maverick Vinales in grande spolvero, unico insieme a Marquez a scendere sotto l’1:24. Lo spagnolo è solito essere molto veloce durante il venerdì e il sabato, per poi sparire la domenica. La casa di Iwata spera che le prestazioni fatte vedere oggi non siano un fuoco di paglia. Valentino Rossi, invece, dopo un’ottima prima sessione, ha riscontrato delle difficoltà nelle FP2. Il nove volte campione del mondo non sembra aver trovato ancora la quadra e anche per questo GP è costretto a passare per la Q1. Valentino cercherà, come spesso gli capita, di trovare il ritmo durante il weekend e di mettere la solita pezza domenica.

Domani le qualifiche

Appuntamento a domani per le qualifiche. Dovizioso e Marquez si daranno battaglia per la pole position che assegnerà una buona fetta di questo mondiale. Attenzione alle sorprese che nel mondo del motorsport non mancano mai.

Condividi