Lun. Set 16th, 2019

F1 2019: si riparte dal circuito di Spa-Francorchamps

Dopo la lunga e interminabile pausa estiva, il Circus della Formula 1 farà tappa in Belgio nello splendido circuito di Spa. Si riparte dallo straordinario duello offerto da Lewis Hamilton e Max Verstappen in Ungheria, una delle poche emozioni che il Gran Premio ci ha riservato, per via degli imponenti distacchi accumulati dal resto del gruppo. La Ferrari, che ha ottenuto la terza e quarta posizione, ha chiuso con più di un minuto di ritardo dal leader del mondiale, dando conferma dei grandi problemi strutturali della SF90 nella percorrenza delle curve a medio-bassa velocità. Adesso, però, approderemo in un circuito completamente diverso da quello ungherese, caratterizzato da lunghissimi rettilinei e curve da full gas che potranno accelerare l’usura degli pneumatici e favorire la comparsa di fenomeni di blistering.

Max Verstappen, il principale rivale di Lewis Hamilton

Max Verstappen, a quota 2 vittorie stagionali, nell’ultimo Gran Premio ha conquistato la prima pole position della sua carriera ed è andato vicino a realizzare il terzo successo consecutivo. Il pilota olandese, pur guidando una macchina nettamente inferiore rispetto alla freccia d’argento, ha tenuto duro per gran parte della gara e ha ceduto la leadership a Hamilton soltanto ad una manciata di chilometri dal traguardo. Il 21enne della Red Bull sta vivendo il miglior periodo della sua carriera e rispetto allo scorso anno ha subito un processo di evoluzione formidabile. Tutti ricordano la spericolatezza, la precipitosità e la mancanza di lucidità che lo hanno portato a compromettere numerose gare della scorsa stagione. La voglia di conquistare a tutti i costi  il massimo risultato ha oscurato il vero talento di Super Max e ha fatto emergere i suoi difetti.
Ora Max, è un pilota totalmente cambiato: ha imparato ad abbinare grinta e concretezza, foga e razionalità e ha maturato la capacità di comprendere quando è il momento di rischiare o accontentarsi del risultato. L’alfiere della scuderia austriaca è al momento il pilota più in forma del Circus e grazie alla sua determinazione ha recuperato punti importanti a Lewis Hamilton in ottica mondiale, portando il suo distacco a quota 68. Nonostante il mondiale sia decisamente alla portata del 5 volte campione del mondo, Verstappen, adesso, ha quanto meno acceso la speranza di vivere un finale tutt’altro che scontato.

Ferrari: 2 Gran Premi per dare un senso alla stagione

Fino a questo momento, il bilancio della scuderia di Maranello è stato sempre al di sotto delle aspettative. La Ferrari è ancora a secco di vittorie e la SF90 nasconde più debolezze che punti di forza. È omai chiaro che gli sviluppi sulla vettura non potranno mai consentire, a meno di clamorosi colpi di scena, di lottare ad armi pari con la Mercedes nei circuiti tortuosi come l’Hungaroring. Nelle piste ad alta velocità, invece, la Rossa può dire la sua e ciò lo ha dimostrato in Canada e in Austria, quando la vittoria è sfumata solo negli ultimi istanti. La doppietta Spa-Monza, che sulla carta dovrebbe favorire le caratteristiche della SF90, rappresenta la migliore occasione per dare un senso ad una stagione fallimentare.

Le motivazioni per i due piloti della Rossa sono tante: Sebastian Vettel ha ottenuto lo scorso anno, in questo circuito, la sua ultima vittoria in carriera e da qui vorrà ripartire per interrompere il lunghissimo digiuno di successi. Charles Leclerc, dal canto suo, è ancora a caccia del primo timbro in carriera e questa potrebbe essere la chanche giusta.

Spa: emozioni assicurate

Ci avviciniamo ad una gara che si preannuncia emozionante, nella speranza di vivere un Gran Premio a tre punte con Mercedes, Red Bull e Ferrari che si daranno battaglia fino alla bandiera a scacchi. Tanta curiosità anche per vedere Alexander Albon che, da questo week-end, sostituirà il deludente Pierre Gasly a bordo della Red Bull. Vedremo se questo ragazzo, che tanto bene ha fatto in Toro Rosso, sarà in grado di stupire.

Condividi