Lun. Set 16th, 2019

F1 Gp Monza: Ferrari, la marea rossa ti aspetta!

Ferrari fans and flags at Formula One World Championship, Rd13, Italian Grand Prix, Race, Monza, Italy, Sunday 3 September 2017.

Il Gran Premio del Belgio è ormai alle spalle e dopo solo una settimana è tempo di ritornare in pista, finalmente nel circuito tanto atteso dai tifosi italiani: il Gran Premio di Monza. Gli spalti si preannunciano gremiti di fans della Rossa, pronti a spingere la scuderia di Maranello verso la conquista della seconda vittoria consecutiva. Le aspettative nei confronti della Ferrari sono tantissime: la splendida vittoria di Charles Leclerc, a Spa, ha rivitalizzato l’ambiente e il Cavallino è intenzionato a regalare ai propri tifosi la seconda gioia della stagione, sicuramente la più speciale per ogni italiano. Come da previsione, nel velocissimo circuito belga, lo strapotere del motore Ferrari ha fatto la differenza e ha consentito a Leclerc di ottenere pole position e vittoria. Il potenziale per vedere un altro sigillo della Rossa c’è tutto. Il tempio della velocità è il circuito che tra tutti si adatta maggiormente alla fisionomia della SF90, forse ancor più di Spa, dove, nel secondo settore, la Rossa ha patito l’efficienza aerodinamica della Mercedes. Monza, invece, presenta in sequenza un tris di settori velocissimi, caratterizzati da lunghi rettilinei e curve che hanno fatto la storia della Formula 1: l’Ascari, le due di Lesmo e la famosa parabolica.

Ferrari: tra certezze e incognite

Se è pur vero che la Ferrari approda a Monza con i favori del pronostico, dare per spacciata la Mercedes nel Gran Premio d’Italia sarebbe un gravissimo errore. Nella pista belga, la Mercedes non ha potuto competere con la Rossa in qualifica, ma ha comunque detto la sua in gara e Lewis Hamilton non è poi andato troppo lontano dall’ennesimo successo della stagione. In Belgio è stato necessario mettere in mostra un’efficace gioco di squadra e, senza l’aiuto di Seb nel fare da tappo all’inglese, probabilmente l’esito della corsa sarebbe stato favorevole alle frecce d’argento. La W10, infatti, ha dimostrato di avere un ottimo passo gara e di gestire nel modo migliore l’usura delle gomme, aspetto che invece ha messo in seria difficoltà la Ferrari. Oltre all’incognita gomme, un altro aspetto da tenere in considerazione a Monza sarà il fattore meteo. Le prove libere di domani dovrebbero svolgersi con tutta probabilità sul bagnato, costringendo le scuderie ad arrivare a carte coperte verso le qualifiche. Meteo che si preannuncia incerto anche la domenica, con un’alta probabilità di pioggia che potrebbe stravolgere le carte in tavola e scaturire un Gran Premio sulla falsa riga di Hockenheim.

Monza: un dominio Mercedes da interrompere

La Ferrari si presenta davanti al proprio pubblico con due piloti a cui certamente non mancano le motivazioni. Da un lato Charles Leclerc reduce dalla sua prima vittoria in carriera e desideroso di calcare nuovamente il gradino più alto del podio. Dall’altra parte Sebastian Vettel che, nella scorsa gara, ha corso da vero uomo squadra e ha agevolato la vittoria del monegasco. Questa volta, però, Sebastian Vettel vuole tornare a vincere, anche per sfatare un tabù che dura da ben 5 anni: vincere il Gran Premio d’Italia con la Ferrari. Il tedesco si è imposto in questo circuito per tre volte, mai con la Ferrari, nella sua immensa carriera. La Rossa, invece, non vince nel suo Gran Premio di casa dal 2010, quando ad imporsi fu Fernando Alonso. Tanti anni di digiuno, caratterizzati nell’era Turbo-Hybrid dal dominio Mercedes, che ha vinto le ultime 5 edizioni del Gran Premio d’Italia. Adesso la Ferrari ha una ghiotta occasione d’interrompere il filotto di successi della scuderia di Brackley e regalare un’immensa gioia alla propria tifoseria, riportando il colore rosso all’apice del podio.

Condividi