Sab. Dic 14th, 2019

F1, qualifiche Monza: Charles Leclerc conquista la pole nel caos del Q3

Charles Leclerc conquista di forza la pole position nel circuito di Monza, realizzando il crono di 1:19.307 e precedendo per soli 39 millesimi un ottimo Lewis Hamilton. Sono state delle qualifiche incredibili, caratterizzate da un episodio inedito nel finale del Q3, in cui ben 7 piloti hanno preso la bandiera a scacchi prima di far segnare un ultimo giro veloce. Dietro a Lewis Hamilton si inserisce Valtteri Bottas, a 8 millesimi dal compagno di squadra. Sebastian Vettel accusa un distacco leggermente più ampio rispetto ai due Mercedes, comprensibile se si pensa che, durante il suo giro lanciato, non ha potuto usufruire di alcuna scia. Terza fila monopolizzata dalla Renault, in palla per tutto il week-end grazie ad una configurazione estremamente scarica che gli ha permesso di raggiungere una velocità sbalorditiva in rettilineo. Settima la Mclaren di Carlos Sainz, seguita dalla Red Bull di Alexander Albon. Concludono la top-ten Lance Stroll e Kimi Raikkonen, autore di un incidente nei primi minuti della Q3 che ha causato la bandiera rossa. Grande sfortuna per il tanto atteso pilota italiano Antonio Giovinazzi, che non è riuscito ad approdare nella sessione conclusiva delle qualifiche per soli due millesimi di svantaggio.

“Melina” pazzesca nel Q3: in tanti prendono la bandiera a scacchi

È successo l’impossibile nella parte conclusiva del Q3, un caos pazzesco che è stato oggetto di discussione anche nel post-qualifiche. Nel secondo e ultimo tentativo, nessun pilota è voluto scendere per primo, per non rimanere penalizzato dalla mancanza della scia. Momento di attesa ai box fino a 2 minuti della fine, quando, finalmente, i meccanici hanno mandato in pista i propri piloti, costringendoli ad una vera e propria corsa al traguardo. Invece di proseguire ad alta velocità, ogni pilota ha cercato di rallentare e farsi superare dalla macchina in coda per poter usufruire della scia. Si è creato, così, un momento di caos incredibile: una vera processione in cui solo Carlos Sainz e Charles Leclerc sono riusciti ad arrivare al traguardo e non prendere la bandiera a scacchi. Un giro inutile per il monegasco, già sicuro della pole position. La melina creatasi negli ultimi minuti ha portato i commissari a mettere l’episodio sotto investigazione, un po’ come successo in Formula 3 dove un simile accaduto ha generato una valanga di penalizzazioni.

Le dichiarazioni dei protagonisti

Lewis Hamilton è sicuramente uno dei più delusi dopo l’incredibile finale delle qualifiche di Monza. Così si è espresso il cinque volte campione del mondo: “È pericoloso comportarsi così nel giro di lancio. Ci sono piloti che rallentano, altri che ti affiancano. Questo sistema è pazzesco. Sono felice – aggiunge il pilota della Mercedes – di essere in prima fila e di poter lottare con le Ferrari in gara ma è stato deludente perché ci siamo persi l’ultimo giro, tutti hanno rallentato”.

Il gioiellino della Rossa può, invece, esprimere tutta la sua gioia per una pole position speciale: “È davvero incredibile vedere così tante persone, fin da mercoledì all’evento di Milano (la festa in piazza Duomo per i 90 anni della Ferrari). È fantastico, sono felice per la pole, anche se è stato un vero peccato che nel finale ci sia stata tutta questa confusione. Domani sarà una giornata importante, il passo gara durante i long run è stato buono quindi sono fiducioso”.

Grande frustrazione per Sebastian Vettel che accusa il suo compagno di squadra per non aver realizzato il programma prestabilito: “La qualifica è andata bene per il team e sono contento della macchina. Ma Leclerc doveva starmi davanti fin da subito. E’ stato del tutto inutile aspettare così tanto perché per l’ultimo giro abbiamo tutti fatto tardi”.

Tra le polemiche, ci prepariamo ad assistere ad un agguerrito Gran Premio d’Italia, con Charles Leclerc al comando e gli inseguitori pronti allo sgambetto.

Condividi