Sab. Dic 14th, 2019

MotoGP, Misano: Marquez vince e allunga in classifica

Marc Marquez vince il Gran Premio di Misano, beffando Fabio Quartararo all’ultimo giro. Il campione del mondo in carica, dopo le due sconfitte in Austria e in Inghilterra, torna sul gradino più alto del podio e allunga in classifica. Seconda posizione per il francese del team Petronas: il rookie della Yamaha ha condotto gran parte della gara in testa per poi essere superato nel finale dallo spagnolo. Terze e quarte le due Yamaha ufficiali di Viñales e Rossi. Ottima sesta posizione per l’altro pilota del team Petronas, Franco Morbidelli. Male le Ducati: Andrea Dovizioso chiude a 13 secondi da Marquez e dice addio ai sogni iridati. Ancora peggio Danilo Petrucci: il numero 9 della Ducati conquista la decima posizione ma a 31 secondi dal leader. Brutta prestazione anche per il vincitore di Silverstone, Alex Rins: il pilota della Suzuki cade a 12 giri dal termine.

La Gara

Pronti via e Marquez delizia il pubblico con un brivido: lo spagnolo perde l’equilibrio ma rimane in piedi, a guidare il gruppo c’è Viñales  seguito da Quartararo e Morbidelli. 26 giri al termine e il pilota italiano del team Petronas commette un errore, consentendo a Marquez di sopravanzarlo. Rossi è ancora settimo e prova a rimontare con Dovizioso che lo segue. Quartararo e Marquez, due giri più tardi, sorpassano Viñales  e allungano sul pilota Yamaha. 22 giri alla fine e Rins arriva lungo alla variante del Parco, regalando la posizione a Rossi e a Dovizioso. Passano due giri e il nove volte campione del mondo supera anche la KTM di Espargaro, si mette così a caccia di Morbidelli. 17 giri al traguardo e Marquez mette sotto pressione il pilota francese, il sorpasso è ormai nell’aria ma ancora poco maturo. Rins, dopo l’errore alla variante, prova a recuperare posizioni ma cade alla Rio ed è costretto al ritiro. Una brutta domenica per il pilota spagnolo, soprattutto dopo il successo di Silverstone. Nel frattempo Rossi attacca e supera Morbidelli, conquistando la quarta posizione. Dieci giri alla fine e Quartararo ancora conduce la gara con pochi decimi di vantaggio su Marquez, che non azzarda il sorpasso. Quattro giri alla bandiera a scacchi e Marquez è pronto ad attaccare Quartararo ma il tentativo arriva due giri più tardi, lo spagnolo, però, arriva lungo e il francese si riprende la posizione. Si preannuncia un ultimo giro di fuoco. Marquez tira la staccata al rookie della Yamaha e lo sopravanza alla prima curva. Quartararo però non ci sta e risponde al pilota della Honda alla Rio. I due piloti si presentano appaiati alla curva dell Quercia, Marquez ritarda la frenata e con una super staccata si porta in testa. Il pilota spagnolo sembra aver piegato il rivale ma Quartararo non si arrende e prova il tutto per tutto alla curva del Carro. L’esperienza di Marquez, però, va oltre la spericolatezza del giovane francese. Il sette volte campione del mondo chiude leggermente il gas a centro curva e costringe il francese ad andare largo. Marquez, dopo le due sconfitte, torna a vincere e lo fa contro il suo tendine d’Achille: il corpo a corpo.

Prossimo appuntamento: Aragon

La MotoGP, tra una settimana, sarà in pista ad Aragon. Marquez ha la possibilità di chiudere in maniera quasi definitiva il discorso mondiale, stando ai risultati fatti registrare dal pilota spagnolo in Aragona. Dovizioso e la Ducati dovranno compiere un miracolo per evitare che questo accada. Il circuito spagnolo non si adatta alle caratteristiche dalla moto italiana e contrastare Marquez assomiglia molto a una missione impossibile. La Yamaha, invece, dovrà continuare a lavorare forte per ridurre sempre di più il gap con Honda e Ducati, mettendo Rossi, Viñales  e Quartararo in condizione di lottare non solo per vincere le gare ma anche il campionato.

Condividi