Dom. Nov 17th, 2019

Prove libere Gp Messico: Ferrari favorita per la pole

Si è appena conclusa la terza sessione di prove libere, a poche ore dall’inizio delle qualifiche. Dopo i primi 50 minuti piuttosto noiosi, con pista bagnata e poca attività sul tracciato, si è scatenata negli ultimi minuti una vera e propria lotta al giro veloce. Ad ottenere la miglior prestazione assoluta è Charles Leclerc, che ferma il cronometro in 1:16.145, seguito a 27 millesimi da Sebastian Vettel. Le Mercedes, rispettivamente di Valtteri Bottas e Lewis Hamilton sono molto vicine e accusano un distacco di pochi decimi dal leader. Tuttavia, la pioggia ha reso la sessione poco interessante e i tempi fatti registrare negli ultimi minuti non sono molto indicativi. Delle informazioni importanti sul reale valore delle monoposto sono arrivate nella giornata di ieri, con le consuete sessioni di prove libere del venerdì.

Prove libere 1: Hamilton in vetta

Lewis Hamilton si aggiudica la prima sessione di prove libere con il crono di 1:17.327, realizzato con la mescola a banda rossa. Il tempo del pilota britannico inganna: a solo un decimo, infatti, troviamo un sensazionale Charles Leclerc, che realizza il run da qualifica con una mescola di svantaggio rispetto alla Mercedes. Grande prova di forza della Ferrari nel corso di questa sessione, che dimostra di aver iniziato il week-end con il piede giusto. Max Verstappen, in pista con il lotto più morbido, stampa un tempo in fotocopia del monegasco e si candida ad essere il principale rivale della Ferrari per la lotta alla Pole Position. Il suo compagno di squadra si accomoda in quarta posizione, a mezzo secondo di distanza, seguito a pochi millesimi dal finlandese della Mercedes. Lontano, almeno per il momento, l’altra Ferrari di Sebastian Vettel che si prende quasi nove decimi da Lewis Hamilton. Il tedesco ha montato la mescola media per effettuare il run da qualifica ma, a differenza di Leclerc, non è riuscito a mettere insieme il suo giro. Bene anche Antonio Giovinazzi, che ferma il suo cronometro in decima posizione.

Prove libere 2: Ferrari in palla

Dopo un inizio non proprio esaltante nelle PL1, Sebastian Vettel domina la scena nella seconda sessione, segnando il miglior tempo in 1:16.607. Max Vertappen si inserisce ancora una volta in seconda posizione, a circa 1 decimo dal tedesco. Leggermente più in difficoltà Charles Leclerc, che accusa 4 decimi dal compagno di squadra a parità di mescola. La Mercedes appare molto indietro nella simulazione da qualifica e ottiene un misero quarto e quinto tempo, a conferma delle difficoltà previste alla vigilia. La Stella e tre punte si dimostra sicuramente molto più performante nel passo gara, mantenendo un ritmo molto competitivo e costante. La Rossa, al contrario, ha fatto vedere un ritmo altalenante, con prestazioni alla pari a quelle dei due Mercedes solo a sprazzi.

Le prove libere hanno evidenziato una leggera superiorità della Ferrari nel giro secco, mentre la Mercedes spaventa nel long run. La Red Bull è sembrata la scuderia più vicina alla Ferrari in versione da qualifica e Max Verstappen potrebbe fare lo scherzetto alla Rossa. Alla luce dell’ultima sessione di prove, la pioggia è sicuramente una variabile e renderebbe le qualifiche imprevedibili e divertenti.

Condividi