Sab. Dic 14th, 2019

F1 Gp Brasile 2019: a Interlagos la penultima tappa del mondiale

Dopo il Gran Premio degli Stati Uniti, che ha consegnato il sesto titolo mondiale a Lewis Hamilton, la Formula 1 sbarca nella pista di Interlagos, appuntamento valevole per la penultima tappa della stagione. Nonostante i titoli ormai assegnati, si rinnoverà nel circuito brasiliano la lotta tra le scuderie di vertice, desiderose di chiudere il 2019 nel migliore dei modi. Il nuovo campione del mondo potrà affrontare queste ultime gare con la mente libera da ogni pressione ma con l’obiettivo di avvicinare il record di successi di Michael Schumacher.

Lotta al terzo posto

La lotta che si preannuncia più calda è quella valida per il terzo posto, che viene contesa da Charles Leclerc, Max Verstappen e Sebastian Vettel. Al momento al comando di questa speciale classifica c’è Leclerc con 14 punti di vantaggio sull’olandese della Red Bull e 19 sul compagno di squadra. Sebastian Vettel ha perso punti preziosi in ottica terzo posto dopo il clamoroso ritiro ad Austin, ma in Brasile cercherà di rilanciarsi ed avvicinarsi in classifica al monegasco. Il quattro volte campione del mondo dovrà tenere a bada la giovane stella della Ferrari, che ha condotto finora una stagione anche al di sopra delle aspettative.

Il tedesco avrà una grande occasione per recuperare punti in classifica, dato che Leclerc partirà con una penalità di 10 posizioni in griglia per la sostituzione della Power Unit. Un week-end che inizia in salita per il giovane ferrarista, che però potrà condurre una gara all’attacco grazie ad un motore nuovo e più potente. Oltre alla spietata battaglia interna, i due alfieri del Cavallino dovranno cercare di precedere in classifica il pilota della Red Bull, per confermare la Ferrari come seconda forza del mondiale.

Il circuito: chi è il favorito?

Interlagos è in generale una pista dal medio-alto carico aerodinamico che premia un’alta velocità di punta ma anche un ottimo grip nei tratti più guidati del tracciato. Ferrari e Mercedes sono, sulla carta, maggiormente performanti rispetto alla Red Bull nel primo e terzo settore, caratterizzati da lunghi rettilinei e curve molto veloci. La scuderia austriaca potrà fare affidamento sull’ottimo carico aerodinamico della propria vettura principalmente nel secondo settore, costituito da curve a bassa velocità.

Difficile stabilire un favorito per questo week-end, date le caratteristiche molto variegate della pista. Sarà interessante monitorare il ritmo della Ferrari, che nell’ultima gara ha compiuto un effettivo passo indietro nelle prestazioni. Un aspetto da tenere in considerazione è sicuramente l’usura delle gomme, che potrebbe essere amplificata dalle alte temperature previste. La gara è apertissima e Interlagos ci ha abituato a delle corse tutt’altro che banali nelle precedenti edizioni. Appuntamento a domenica per scoprire il vincitore del Gran Premio del Brasile.

Condividi