Sab. Dic 14th, 2019

Formula 1, Interlagos: Verstappen vince il Gran Premio del Brasile, suicidio Ferrari

Dopo la Pole Position conquistata ieri, Max Verstappen chiude il weekend brasiliano con una vittoria. Storica seconda posizione per la Toro Rosso di Pierre Gasly. La scuderia di Faenza conquista il secondo podio stagionale. Terza la McLaren di Carlos Sainz. Quarte e quinte le due Alfa Romeo di Kimi Raikkonen ed Antonio Giovinazzi. Sesta la Renault di Ricciardo e settimo Lewis Hamilton penalizzato per il contatto con la Red Bull di Albon. Ottava l’altra McLaren di Norris, chiudono la Top Ten la Racing Point di Perez e la Toro Rosso di Kvyat.

Red Bull: Pole e Vittoria!

Max Verstappen porta a casa una vittoria importantissima, successo che gli permette di raggiungere il terzo posto in classifica. Il pilota olandese, oggi, ha corso con la testa e questo fattore gli ha permesso di essere aggressivo nei momenti giusti della gara. Max torna al successo dopo la vittoria in Germania e una seconda parte di stagione ben sotto le aspettative, con la speranza di aver messo la testa a posto e pronto a giocarsi più di una semplice vittoria.

Ottima gara anche da parte di Albon. Il pilota thailandese ha accarezzato la possibilità di conquistare il primo podio della carriera, ma un contatto con Lewis Hamilton gli ha impedito di raggiungere questo obiettivo. Tuttavia, il giovane pilota della Red Bull ha mostrato velocità e carattere.

Ferrari: Brasile nero…

Un Brasile nero per la scuderia di Maranello. Il contatto tra Vettel e Leclerc ha fatto conquistare ben zero punti al team italiano, compromettendo anche la corsa di entrambi al terzo posto piloti. Il pilota tedesco, dopo una prima parte di gara sufficiente, non è riuscito a gestire la pressione dopo i sorpassi subiti da Albon e da Leclerc. Ennesimo grave errore da parte del quattro volte campione del mondo.

Tutt’altra gara è stata per Charles Leclerc. Partito quattordicesimo, il monegasco sin dai primi giri si è lanciato nella sua rimonta, raggiungendo in pochi giri le posizioni che contano. Con gomma più fresca nel finale, grazie alla partenza con gomma gialla, Charles ha provato a sopravanzare Vettel e a mettersi a caccia del terzo posto di Albon, il contatto con il compagno, però, ha vanificato tutto e costringendolo al ritiro.

Mercedes: una stella che non brilla

Una stella a tre punte che non brilla sotto il sole brasiliano. La Mercedes lascia il Sud America con un settimo posto e un ritiro. Hamilton, a lungo in lotta con Verstappen per la vittoria, non è riuscito in una delle sue magie e si è dovuto arrendere alla supremazia della Red Bull. Il campione britannico è rimasto coinvolto anche in un contatto con la Red Bull di Albon che gli è costato il podio. Un altro weekend sotto tono da parte di Lewis, forse già proiettato al 2020.

Bottas, invece, dopo la vittoria ad Austin, non è mai stato veloce in terra brasiliana. Il finlandese è andato in difficoltà sin dai primi giri e, nel tentativo di superare la Ferrari di Leclerc, il suo motore lo ha abbandonato. Un weekend da dimenticare per il pilota della Mercedes che vorrà riscattarsi tra due settimane ad Abu Dhabi.

Prossimo appuntamento: Abu Dhabi

la Formula 1 tornerà in pista tra due settimane ad Abu Dhabi. Negli Emirati andrà in scena l’ultima gara di questo 2019 ed inizierà il 2020.

Condividi