Sab. Dic 14th, 2019

La “nuova” Davis Cup entra nel vivo

Entra nel vivo la nuova Davis Cup. L’Italia avrà alla propria guida Corrado Barazzutti se la vedrà con il Canada e gli Stati Uniti a partire dal 18 Novembre.

Le partite del girone si disputeranno sul veloce indoor della Caja Magica di Madrid.

La “riforma Piqué”

La prima edizione dopo la riforma Piqué , proposta dal noto calciatore del Barcellona, prende forma, con ognuna delle 18 nazioni partecipanti che affronterà un girone da 3 squadre.

Le sfide si svilupperanno al meglio dei 3 match -2 singoli ed il doppio. Oltre alle vincitrici di ogni girone, avanzeranno ai quarti di finale le 2 migliori seconde, da calcolare attraverso il numero di match, set e game vinti.

L’Italia di Corrado Barazzutti potrà contare sui migliori giocatori disponibili, eccezion fatta per Jannik Sinner.

L’assenza di Sinner

Jannik Sinner, fresco vincitore nel challenger di Ortisei, non parteciperà alla Davis Cup con l’Italia.

Con la conquista del suo ultimo trofeo, il neo-detentore del titolo delle Next Gen ATP Finals, che ha agguantato la 78esima posizione del ranking ATP, è diventato il sesto italiano in classifica.

Tuttavia, il 18enne altoatesino, come aveva già dichiarato nell’intervista dopo il successo a Milano, non farà parte della spedizione azzurra, al fine di preparare al meglio la sua prossima stagione.

I convocati

L’Italia, il cui capitano sarà Corrado Barazzutti, potrà contare sui migliori giocatori a disposizione. Oltre a Berrettini e Fognini ci saranno anche Simone Bolelli, Andreas Seppi e Lorenzo Sonego.

Nel loro esordio, il 18 Novembre gli azzurri affronteranno il Canada. I nordamericani dovranno, complice l’assenza di Milos Raonic, fare affidamento sulla gioventù di Denis Shapovalov, Felix Auger-Aliassime, Vasek Pospisil e Brayden Schnur.

Successivamente, mercoledì 20 Novembre, gli azzurri affronteranno gli USA. Senza John Isner, gli statunitensi conteranno su Sam Querrey, Jack Sock, Frances Tiafoe, Reilly Opelka e Taylor Fritz.

Infine, tra le superstar che parteciperanno alla fase finale spiccano Rafael Nadal e Novak Djokovic, che se la vedranno rispettivamente con Croazia e Russia e con Francia e Giappone.

Ci sono tutti gli ingredienti perché possa essere il degno finale di una stagione che ha regalato emozioni e speranze ai colori azzurri, con l’augurio che sia solo l’inizio di una nuova era.

Condividi