Sab. Dic 14th, 2019

La Spagna vince la Davis Cup 2019

La Spagna vince la Davis Cup 2019. Lo fa battendo il Canada grazie alle vittorie di Roberto Bautista Agut e Rafael Nadal rispettivamente su Felix Auger-Aliassime e Denis Shapovalov.

La finale

Il primo singolo ha visto Bautista Agut battere Auger-Aliassime 7/6, 6/3.

Lo spagnolo è tornato a giocare la Davis Cup dopo essersi assentato alcuni giorni a causa della scomparsa del padre. Lo ha fatto nel migliore dei modi, apparecchiando la situazione per Rafa, a cui sarebbe bastato battere il rampante Shapovalov.

Nonostante il giovane canadese abbia provato in tutti i modi a ribaltare la sfida , Nadal ha giocato una partita fenomenale, l’ennesima della sua straordinaria carriera. Il maiorchino chiude la sfida con il punteggio di 6/3, 7/6, e mette la ciliegina su un 2019 straordinario.

Nadal vince infatti la sua quinta Davis Cup – su 6 totali conquistate dalla Spagna – in un 2019 che lo ha visto tornare ad essere numero 1 del mondo.

Il torneo

Il Canada arriva per la sua prima volta nella storia alla finale della Davis Cup, guidata da uno straordinario Shapovalov e da un ottimo Pospisil.

I canadesi hanno battuto la Russia in semifinale e l’Australia di De Minaur e Kyrgios nei quarti, dopo aver vinto il girone con Italia e USA.

Da sottolineare anche la prova della Gran Bretagna, eliminata in semifinale dalla Spagna soltanto nel doppio, vinto da Nadal e Feliciano Lopez 7/6, 7/6.

L’Italia

Gli azzurri perdono entrambe le sfide del girone e finiscono perciò all’ultimo posto.

L’Italia non riesce a battere il Canada in nessuno dei due singoli, ma conquista il doppio con la coppia Fognini-Berrettini. I due sono protagonisti anche della sfida con gli USA, in cui l’unico punto è stato conquistato dal tennista ligure.

Matteo Berrettini ha concluso il torneo accusando un problema fisico, probabilmente essendo senza carburante dopo un 2019 giocato a ritmi altissimi.

Nel 2020 l’Italia affronterà la Corea nel preliminare, sperando di staccare un pass per la prossima Davis Cup. Probabilmente gli azzurri potranno contare sugli stessi giocatori di queste uscite, con l’aggiunta di uno Jannik Sinner che potrebbe, insieme alla crescita di Matteo Berrettini, portare quel qualcosa in più che è mancato in questa edizione. Sperando che questo sia solo il punto di partenza per il tennis azzurro.

Condividi