Mar. Set 22nd, 2020

Formula 1, Day 3: Mercedes chiude con una doppietta, Ferrari alle prese con l’affidabilità

La prima settimana di test che si chiude nel segno della Mercedes, nel Day 3 Valtteri Bottas e Lewis Hamilton chiudono rispettivamente in prima e in seconda posizione. Terza la Renault di Esteban Ocon che conferma i progressi della scuderia francese rispetto al 2019. Quarta la Racing Point di Stroll, il canadese che sembra essere salito di colpi dopo due giorni abbastanza difficili. Red Bull in settima e in ottava posizione con Max Verstappen e Albon e una Ferrari che vede Sebastian Vettel in tredicesima posizione. La Rossa ha avuto dei problemi legati alla Power Unit che è stata già inviata a Maranello per esaminarla.

Mercedes veloce e affidabile

Una Mercedes che chiude questa prima settimana di test con pochi dubbi e tante certezze. La stella a tre punte sembra aver sfornato l’ennesima macchina vincente ed è pronta a riscrivere la storia della Formula 1. La W11, oltre ad essere una monoposto molto competitiva, è una vettura molto affidabile. Bottas ed Hamilton hanno svolto un programma leggermente diverso ai primi due giorni, entrambi, infatti, hanno continuato il lavoro sul passo gara ma hanno cercato anche il giro veloce. Il finlandese è riuscito ad avere la meglio sull’inglese e si è preso la testa di questi test. La scuderia di Brackley, rispetto ad un anno fa, torna a casa molto più consapevole della propria forza e del proprio mezzo.

Ferrari, essere o non essere?

La battuta pronunciata dal principe Amleto nella famosa tragedia di Shakespeare potrebbe essere il vero dilemma della Ferrari. La Rossa sarà o non sarà l’antagonista della Mercedes per questo 2020? La risposta, almeno dopo questi tre giorni, è no. È vero che la scuderia di Maranello non ha mai cercato la prestazione, ma i problemi di affidabilità riscontrati in questi giorni sono un campanello d’allarme. Tuttavia, nonostante il problema legato alla Power Unit, Sebastian Vettel è tornato a girare nel pomeriggio e ha continuato il programma sul passo gara e sul raccoglimento dati. I tifosi della Rossa, comunque, non devono disperare perché si è solo all’inizio e molto probabilmente ,settimana prossima, si vedrà una SF1000 diversa da quella attuale.

Una Red Bull costante

Una Red Bull che ha mostrati di essere molto compatta e costante. Verstappen ed Albon hanno portato a casa molti giri e questo non può che far piacere agli ingegneri della scuderia austriaca. Una Red Bull che finisce la prima settimana di test con la consapevolezza di essere la seconda forza del mondiale, puntando dritta alla Mercedes in vetta. La Honda, con la figura di Yamamoto, ha dichiarato che la Red Bull, settimana prossima, sfrutterà una mappatura del motore più potente per andare alla ricerca della prestazione massima. Una notizia che fa ben sperare, soprattutto per la grandissima mole di chilometri percorsi da Vertappen ed Albon.

Un centro gruppo agguerrito

Non tantissime novità rispetto agli altri giorni da parte del resto dello schieramento. Tutti i team, rispetto allo scorso anno, hanno alzato il proprio livello di competitività e la possibilità di vedere grandi battaglie sono molte. La Formula 1 tonerà in pista settimana prossima dal 26 al 28 Febbraio, le modalità dei test non cambieranno rispetto ai primi tre giorni.

Condividi